Domani i giornali non usciranno

domani%20i%20giornali%20non%20usciranno_

Breve dramma per aeroporti. Una giovane donna ha appena perso la coincidenza per il suo volo e non sa quando potrà imbarcarsi sul prossimo. Sono mesi che si sta preparando a questa partenza, con minuzia e determinazione; nulla è lasciato al caso, le aspettative sono alte, vuole essere perfetta, deve partire nella versione migliore di se stessa, un uomo la sta aspettando e questo viaggio le cambierà la vita. La scena, essenziale e asettica, è tutta contenuta all’interno dell’aeroporto. In questa sospensione obbligata, i confini però cominceranno a sfumarsi e la sua perfezione a contaminarsi con la realtà . Si troverà di fronte ad elefanti nella stanza, gatti di Schrödinger, astinenza da nicotina, altoparlanti impertinenti, funzionari irritanti e ai migliori dubbi della sua vita. Nell’infinito tempo dell’attesa, fra delicate ammissioni, vitali irrequietezze e previsioni mancate avrà finalmente modo di perdere tutto ciò che l’ha portata là. E allora forse il vero compimento non sarà nell’acquisire perfezione, ma nel perderla e l’uomo che la sta aspettando - se c’è davvero qualcuno ad attenderla - incontrerà una donna che ha accettato di perdere molte cose per essere se stessa.

scritto da Veronica Raimo
con Alessandra Chieli
musiche originali Toni Virgillito
visuals Elisabeth Mladenov
costumi Alice Pacciarini
foto di scena Alessandro Gallo
regia Emilio Barone e Massimo Ferrari 
coprodotto con Teatro Studio Uno

Scheda Artistica